mercoledì 16 maggio 2018

Telefilm, enjoy! #69: The Durrells - Prima Stagione

Salve a tutti e ben trovati, ritorniamo oggi con un nuovo numero del Telefilm, enjoy! per parlarvi di una serie tv di cui non avevo mai sentito parlare e che, purtroppo, è molto poco conosciuta: The Durrels.
COME SEMPRE VI RICORDO CHE I MIEI COMMENTI NON SI RISPARMIANO NEGLI SPOILER, SE NON VOLETE ESSERE INFORMATI SULLA PROGRAMMAZIONE AMERICANA, O NON SIETE ANCORA IN PARI, VI SCONSIGLIO VIVAMENTE DI LEGGERE.

 
Ho scoperto questa serie tv per caso, vagando tra serie che non conoscevo mentre cercavo qualcosa di nuovo da guardare e l'ho trovata. L'ho iniziata perché è una serie corta, solo sei episodi a stagione con due stagioni fuori e una terza in corso; è britannica e ho scoperto recentemente una nuova passione per le serie tv britanniche e per l'accento che sfoggiano e perché è una serie storica e la mia passione per le serie storiche è ormai risaputa, si tratta poi di una serie biografica, poiché narra le vicende a Corfù del naturalista e zoologo Gerald Durrell. La storia è ambientata nel 1935, vede le vicende di una famiglia londinese con gravi difficoltà economiche che decide di partire per Corfù, in Grecia, dove si dice si viva meglio. Così la capofamiglia, Louisa, assieme ai quattro figli: Larry, Leslie, Margo e Gerry, si trasferisce su quest'isola cercando di andare avanti. 
La storia di per sé non è particolarmente avvincente o complessa, è felicemente lineare, ma deliziosa proprio nella sua semplicità. 
Louisa cerca di mandare avanti la propria famiglia con i soldi rimasti in seguito alla morte del marito, avvenuta otto anni prima, il problema però è che si ritrova in un luogo che non conosce, senza saper parlare la lingua, ad affrontare le difficoltà che questa nuova vita le pone di fronte, con le difficoltà che anche i figli le causano, parecchio egoisti almeno nei primi episodi. 
Larry è un aspirante scrittore, trascorre il suo tempo a scrivere racconti che la madre legge e supporta, è un intellettuale che cerca di trovare a Corfù la propria vena creativa e inaspettatamente ci riesce. Suo iconico obiettivo è anche trovare un compagno di vita per sua madre, sola ormai da tantissimo tempo. 
Leslie è un ragazzo molto diverso da sua madre e suo fratello maggiore, ha una passione smodata per le armi e trascorre il suo tempo a caccia, tutto questo smette di avere importanza per lui quando si innamora di una ragazza dell'isola, che poi lo lascerà causando un tracollo che lo porterà ad avere problemi sia in famiglia che con la giustizia. 
Margo è inizialmente una ragazzina frivola e apparentemente stupida, a cui interessa soltanto prendere il sole e innamorarsi, le cose cambiano quando la madre e cerca un lavoro per tenerla impegnata e si trova ad avere a che fare con una contessa, compagnia che le aprirà la mente stimolando il suo pensiero.
Gerry è il più piccolo e quello appassionato di animali, comincia a studiare tutti gli esemplari che trova assieme all'aiuto del biologo Theo. 
Ciò che ci mostra questa serie è la storia di questa famiglia, delle sue difficoltà e dei loro rapporti, come Margo cresca e come Larry e Leslie, apparentemente opposti, siano comunque vicini e affezionati, tanto da cercare di aiutarsi nonostante le apparenti inconciliabili differenze. 
Louisa comprende finalmente che la sua vita deve muoversi e sembra aver trovato l'amore in Sven, giovane svedese che fa il pastore a Corfù, ma che alla fine si scopre omosessuale, con un discorso che spezza il cuore tanto ci mostra come l'omosessualità fosse una condizione mal vista e poco accettata a quel tempo. 
È un gioiellino davvero adorabile, che sa più di commedia che di altro, anche se non mancano momenti intensi e commoventi. Sicuramente una serie a cui dare una chance per trascorre qualche bella serata priva di drammi particolarmente accentuati. 





E con questo è tutto per oggi, voi conoscevate questa piccola perla? A presto, 

vostra, Cinzia.

Nessun commento:

Posta un commento