lunedì 17 luglio 2017

Telefilm, enjoy! #48 - Skam Seconda Stagione

Buongiorno, ed eccomi qui, torno con questa rubrica - tutta basata sui telefilm - e torno con la seconda stagione del telefilm rivelazione di quest'anno: Skam.
 COME SEMPRE VI RICORDO CHE I MIEI COMMENTI NON SI RISPARMIANO NEGLI SPOILER, SE NON VOLETE ESSERE INFORMATI SULLA PROGRAMMAZIONE AMERICANA, O NON SIETE ANCORA IN PARI, VI SCONSIGLIO VIVAMENTE DI LEGGERE.

 
Questa seconda stagione ha come protagonista Noora, la più razionale e matura tra le amiche che hanno fondato il Bus nella prima stagione. Già nella prima stagione potevamo vedere un interesse da parte di William, bad boy della scuola, nei suoi confronti. 
Noora cerca di respingere queste attenzioni con tutte le sue forze, ma William - come abbiamo imparato ad apprezzare nel corso della serie - non demorde fino a far conoscere a lei la parte più nascosta di sé.
In questa stagione, un po' come si evince da tutte le serie, a parte una graduale scoperta di se stessi, si affronta il superamento dei pregiudizi e l'imparare a non giudicare un libro dala copertina, come si sul dire. Noora si arrende a poco a poco a William, imparando a conoscerlo e scoprendo che quel qualcuno le piace.
Altro importante passo che viene affrontato è la lealtà e la sincerità nei confronti di un'amica. Lei si trova a affrontare la cotta di Vilde e qui, proprio qui, in quel frangente, ho capito le potenzialità del personaggio di Vilde.
Lei capisce e comprende, diventa in grado di scindere la propria cotta dal sentimento profondo che Noora e Willam provano l'uno per l'altro e supporta la propria amica nonostante tutto.
Anche questa stagione, sebbene tralascia i personaggi secondari, in misura anche esagerata, si riconferma come una stagione convincente.
Ed eccoci, alla fine della sessione estiva, con la prospettiva di studiare più di prima, con i libri che mi guardano e la spiaggia che mi chiama a gran voce perché sono letteralmente bianco-trasparente, riprendo con la miriade di serie tv che ho guardato e di cui non vi ho parlato. 
E quindi, cosa ne pensate di Skam?
A presto, 
 
vostra, Cinzia.


Nessun commento:

Posta un commento