mercoledì 10 maggio 2017

Segnalazione "Fore Morra" - Diego Di Dio

Salve a tutti, come procede la vostra settimana? La mia, ovviamente, immersa tra studio e lavoro (e preparazione dei concorsi pubblici, incrocate le dita).
Prima di passare alla segnalazione vera e propria, mi prendo del tempo per comunicarvi la mia recente collaborazione con l'agenzia letteraria Saper Scrivere, la gentilissima addetta all'ufficio stampa mi ha contattata e io ho deciso di accettare la volo, ma bando alle ciance. Ecco a voi le notizie interessanti e di una certa importanza:


Titolo: Fore Morra; 
Autore: Diego Di Dio;
Edtore: Fanucci Editore (Collana Time Crime); 
Prezzo: 4,99€ (Ebook), 12,90€ (Cartaceo); 
Pagine: 320; 
Genere: Thriller; 
Data di pubblicazione: 2 Febbraio 2017;
_____________________

TRAMA

Alisa e Buba sono due sicari. Entrambi sono professionali, spietati, ben noti nell’ambiente. Lavorano insieme, ma non potrebbero essere più diversi. Buba è un uomo possente, maniacale, una perfetta macchina di morte dal passato ambiguo e oscuro. Alisa è una sopravvissuta. Si porta dietro il fardello di un’infanzia trascorsa tra violenze e angherie, tra abusi e povertà: è cresciuta ai margini di una società feroce e impietosa. Quando viene commissionato loro l’omicidio di un piccolo camorrista, scoprono che si tratta di una trappola architettata da un uomo potente e determinato, chiamato “il boss”, e di cui si sa una cosa sola: il suo obiettivo è catturare Alisa, catturarla viva. Andando a ritroso nella memoria, esplorando i tormenti e le violenze subite nella sua vita, Alisa dovrà capire chi si nasconde dietro la grande macchinazione congegnata ai suoi danni. Lei e Buba dovranno addentrarsi tra i quartieri di Napoli e negli antri bui della mente umana, per scoprire quanto profondo e devastante possa essere l’odio di un uomo tradito.

Fore morra: fuori dalla camorra. Come proiettili impazziti, con tutti e con nessuno.

 ESTRATTO:


Morire… 
A volte mi chiedo cosa significa. Ho visto la morte così tante volte, che non mi fa più paura. All’inizio sì, ne ero terrorizzata. In questi anni, però, mi è passata accanto così spesso, che ho imparato a conoscerla. Ne ho memorizzato l’odore, la perfezione. Me la sono sempre immaginata in un modo tutto particolare. Una ragazza magra ed elegante, avvolta in un mantello, la falce su una spalla e un cappuccio nero a nasconderle la parte alta del viso.
Mi sembra quasi di vederla, ogni volta che le pallottole smembrano il vento, quando le grida squarciano la notte e l’odore del sangue impregna l’aria. Si trascina tra i cadaveri e le pistole, indifferente a tutto. Nei miei sogni, le chiedo: “Stavolta tocca a me?”. 
Lei scuote la testa, poi mi indirizza un sorriso stentato. “Non ancora”, risponde.

 Dicono del romanzo:

"Diego Di Dio ha talento. Scrive frasi taglienti come proiettili sparati ad altezza uomo. Il ritmo è cinematografico. Narra storie di vendetta e di denuncia sociale."
(Barbara Baraldi)

"Realistico e tormentato come Gomorra, esagerato e violento come Kill Bill."
(Cristiana Astori)


Biografia: Diego Di Dio, classe 1985, laureato in Giurisprudenza, è un autore di racconti gialli, noir, thiller, mainstream e di fantascienza con numerosi editori. Collabora come correttore di bozze ed editor per agenzie letterarie, case editrici e committenti privati. 
Vince numerosi premi e riconoscimenti, apparendo due vote in appendice ai gialli Mondadori, nel 2012 con "I dodici apostoli" e nel 2014 con "Il canto dei gabbiani" (menzione speciale al Gran Giallo per la città d Cattolica). 
Pubblica il romanzo thriller sovrannaturale "Condannati a morte" con Milano Nera e la raccolta di racconti thriller e noir "È tempo sprecato uccidere i morti" con la Dunwich Edizioni. 

Potete acquistare il romanzo su Amazon: QUI.
Potete restare sempre in contatto con l'autore e seguirlo al suo blog: QUI.


Con questo è tutto, per oggi. Avete sentito parlare di Diego Di Dio e di Fore Morra?
Io sono molto curiosa di leggerlo.
A presto,

vostra, Cinzia.

Nessun commento:

Posta un commento