lunedì 12 settembre 2016

Telefilm enjoy #41 - Supernatural undicesima stagione

Salve a tutti, carissimi. Come prcede il vostro rientr alla routine o la vostra sessione d'esami? La mia male, of course. I post che leggerete d adesso in poi saranno tuttti programmati perché io, fisicamente, sarò a studiare a causa di questo periodo balordo! Ma i recuperi telefilmici procedono in maniera spedita, ho tante serie tv di cui parlarvi e di cui ho già abbozzato i commenti. 
Per quanto riguarda le recensioni, sebbene abbia preso dei contatti con alcuni sono tutte rinviate a data da destinarsi a causa del poco tempo a disposizione da dedicare alla lettura e novità che non vi interesserà, ma che io intendo dirvi comunque, mi sono riavvicinata tantissimo alla scrittura, ragion per cui suddivido il mio tempo tra studio, letture e scrittura, il che vuol dire che tutto vinene ridemensionato e rallentato, ma ne vale la pena! 
Ma andiamo avanti con ciò che ci interessa!




Con l'undicesima stagione di Supernatural vediamo, come avevo anticipato nei commenti episodio per episodio, apparire una nuova e totalmente pericolosa entità: l'Oscurità. Sorella primordiale di Dio, poi rinchiusa per il bene dell'umanità da Dio in persona attraverso il marchio di Caino, che i nostri amati fratelli Winchester hanno distrutto nella scorsa stagione.
Dunque, la pesantezza di undici stagioni si sente, sebbene io lo dica con rammarico. Gli episodi filler dimostrano comunque la loro vena a volte comica a volte malinconica, come riusciamo a vedere nell'episodio pieno di flashback con Bobby, ma la trama generale della stagione ne risente.
L'Oscurità, personaggio che fin da subito a me è piaciuto e che poteva rivelarsi davvero un'ottima risorsa, ha un legame particolare con Dean, perché marchiati entrambi con il marchio che era appartenuto a Caino. Perciò dalla furia cieca di quest'essenza sovrannaturale che brama vendetta nei confronti del creato di suo Fratello, che ha prefirito l'umanità a lei, sua unica famiglia, il maggiore dei fratelli Winchester ne resta escluso. Ciò non toglie che vuole trovare un modo per fermarla, ma questo appare impossibile: non hanno abbastanza potere gli angeli, non ne hanno nemmeno i demoni. L'unico che sa come fermarla è nientepopodimenoche Lucifero, il principe delle tenebre per eccellenza, ma un'allenza con lui ha il suo prezzo, che decide di pagare Castiel cedendogli il controllo del suo corpo. Vincere però si dimostra comunque molto difficile, finchè a gran sorpresa non giunge nuovamente ai nostri schermi Chuck. Il profeta che come tutti avevamo immaginato è in realtà Dio, ma che di affrontare la sorella non ne ha la minima voglia.
Ci ritroviamo quindi in una situazione in cui Dio vuole lasciare che la sorella sfoghi la sua frustrazione, un Castiel che ha messo da parte la propria volontà per dare spazio a Lucifero, Lucifero arrabbiato con suo Padre perché lo ha abbandonato e Crowley che non ha più alcun potere all'inferno perché Lucifero lo ha umiliato e ne ha compromesso la credibilità. Quindi prima di affrontare il nemico di turno i nostri fratelli preferiti si trovano costretti a risolvere i problemi tra Dio e Lufero, così scopriamo la vera storia della caduta dell'angelo più bello. 
Questo è uno degli aspetti che ho sempre amato di Supernatural, il saper giostrare la storia biblica in modo da non far apparire più il cattivo relamente cattivo, ma spesso vittima degli eventi: così, Lucifero aiuta il Padre a rinchiudere l'Oscurità e accetta di tenere con sé il marchio di Caino, ma il marchio lo corrompe fino a portarlo alla caduta che Dio non impedisce.
Dopo  aver vito il molesto episodio in cui Dean e Sam fanno da terapisti di coppia alla relazione tra i due si forma un'inattesa alleanza che vede schierati i fratelli Winchester, Dio, Lucifero, Crowley e Rowena. I loro sforzi non sembrano andare per il meglio, l'Oscurità colpisce Dio e spegne il sole (secondo la mia personalità opinione lo fà utilizzando un filtro instagram, anyway...), lasciando quindi la terra a una fine lenta e dolorosa. Quando la fine sembra ormai inevitabile Dean trova il modo di coonvincere l'Oscurità a salvare Dio, perché è la sua famiglia e la famiglia non si abbandona, che si va be' bel discorso però sembra tanto Twilight che alla fine risolve tutto senza la battaglia finale. Comunque alla fine i due fratelli si riappacificano e l'Oscurità inaspettatamente fa un regalo a Dean: riporta in vita sua madre. Che adesso... ne sentivamo la necessità? Io non molto, ma vedremo nella prossima stagione!
Che dire, responso non molto positivo, potevano fare di più, molto di più!




Questo è tutto con Supernatural, signori. Voi avete visto questa nuova e per nulla entusiasmante stagione? Cosa ne avete pensato? 
A presto, 

vostra, Cinzia.

Nessun commento:

Posta un commento