domenica 4 ottobre 2015

Telefilm, enjoy! #7: Once Upon a time, Downton Abbey e Grey's Anatomy

Salve miei cari, sono finalmente tornata con il blog, ho avuto una serie di contrattempi che mi hanno tenuta lontana dal web, primi fra tutti gli esami universitari che per questa sessione si sono finalmente conclusi, poi un simpaticissimo disservizio internet e per ultimo una febbre dovuta alla mia adorata tonsillite cronica, ergo il karma mi ha tenuta lontana da voi.
Ma finalmente sono tornata e con l'apertura della stagione telefilmica 2015/2016 non potevo non creare un post per la rubrica Telefilm, enjoy! 
La stagione telefilmica non è ancora entrata nel suo pienone, sto qui a parlavi infatti soltanto di tre serie tv, rispettivamente con i primi due episodi di Downton Abbey e Grey's Anatomy e con la premiere autunnale di Once Upon a Time.
Ma ciancio alle bande, iniziamo, ricordo a tutti che le opinioni ai telefilm sono abbastanza spoilerose, quindi se non avete ancora visto gli episodi e non volete sapere cosa succede, vi conviene chiudere adesso il post, non mi prendo le responsabilità di eventuali spoiler.


OUAT  5 x 01 - The Dark Swan
Come tutti già sappiamo la nostra salvatrice è destinata, in questa quinta stagione, a diventare l'antagonista da salvare. Intrappolando in sé tutta l'oscurità, alla fine della scorsa stagione, lei diventa il nuovo Signore Oscuro, al termine della quarta stagione abbiamo anche scoperto che chi può aiutarla è un famosissimo mago: Merlino.
Con l'inizio di questa quinta stagione ritroviamo Emma nella foresta incantata, alla ricerca di un modo per evitare che la sua oscurità la faccia divenire qualcosa di pericoloso, tutta la sua parte oscura prende nella sua mente le sembianze di Tremotino, che le consiglia di trovare Merlino, attraverso un fuoco fatuo. 
Durante il suo cammino tuttavia incontra Merida, la nostra eroina tanto attesa protagonista di The Brave. Questo è il primo punto per cui storco il naso, avendo già inserito il personaggio di Merlino e in genere il mondo arturiano, avrebbero potuto conservare per un secondo momento il personaggio di Merida, temo che possano combinare lo stesso casino scatenato nella seconda parte della quarta stagione, e cioè bruciare personaggi e storie che avrebbero potuto invece essere sfruttati diversamente, come avvenne per i villains della scorsa stagione.
But anyway, Emma lotta contra la propria oscurità, sebbene venga tentata da Tremotino a sacrificare Merida per prenderle il fuoco fatuo e ottenere quel che vuole.
In tutto questo a Storybrook eroi e cattivi si uniscono per salvare Emma, lo stregone consegna loro una bacchetta magica con cui creare un portale che può condirli da lei, ma questa bacchetta può essere attivata esclusivamente dalla combinazione di magia bianca e magia nera, dunque la nostra Evil Queen, non essendo più tanto cattiva, è costretta a chiedere aiuto a Zelina, sua sorella psicolabile e incinta di Robin Wood. Dopo varie peripezie i nostri amici si ritrovano nella foresta incantata e fermano Emma dal compiere un gesto irreparabile, cioè uccidere Merida. Qui, la nostra salvatrice, consegna il pugnale del Signore Oscuro a Regina, l'unica che avrebbe il coraggio di struggerla se le speranze di redenzione venissero a mancare.
In seguito vengono trovati da Re Artù e Lancillotto (che è di colore, no dico, io mi chiedo perché cambiano i connotati, non ho nulla contro le persone di colore, ma perché non inseriscono le principesse e i soggetti che effettivamente sono di nazionalità differenti, al posto di modificare i personaggi, cosa già accaduta con Rapunzel che è bionda per antonomasiae nel telefilm l'anno fatta nera carbone, ma comunque... sorvoliamo), questi li portano a Camelot e poi... PUFF.
I nostri eroi si ritrovano a Storybrook, ritrovano un' Emma ormai preda della sua oscurità che non può essere controllata da Regina perché ha ripreso possesso del pugnale, tutto questo è accaduto nell'arco di sei settimane, settimane delle quali i nostri eroi non hanno alcuna memoria, escamotage già utilizzato e quindi punti in meno. 
Tuttavia si scopre di più sul pugnale, a quanto pare legato alla spada di Artù, da uno scorcio di storia si scopre infatti che il pugnale altro non è che la punta della spada che ha reso Artù un re.
Altro aspetto negativo rispetto a quelli che io ho riscontrato è stata la totale mancanza di Malefica e Lily, che potevano invece essere utilizzati come perno della storia (mi auguro che la loro assenza in questo primo episodio non porti a una totale mancanza in tutta la stagione.
Tutto sommato l'episodio non mi è dispiaciuto, sono curiosa di vedere l'evoluzione di Emma nel nuovo signore Oscuro e in che modo i nostri eroi riusciranno a salvarla.




_________________________________________________________________________________


GA 12 x 01 - Sledgehammer
GA 12 x 02 - Walking Tall
Dunque, con l'inizio della dodicesima stagione troviamo tutti i nostri personaggi, tra cui Meredith e Amelia, a fare i conti con la morte di Derek, le due, assieme  Maggie, ennesima sorellastra di Mer, si trovano a dividere l'appartamento. La convivenza risulta difficile per via dei caratteri forti di Mer e Amelia, tuttavia alla fine, grazie proprio alla terza del gruppo, trovano il modo di rendere la convivenza non proprio terrificante, in tutto questo ritroviamo Jackson che resta sorpreso dal ritorno di April, ma che ancora non l'ha perdonata per la scelta di averlo lasciato solo dopo la perdita del loro bambino.
La dottoressa Bailey è sempre in corsa per il posto da capo di chirurgia e sebbene inizialmente si scoraggi di fronte alla rivale, ottimo elemento, dopo un opportuno discorso di incoraggiamento da parte del marito si rimette in carreggiata e ottiene il posto.
Nel secondo episodio vediamo dunque una Bailey capo che cerca di fare andare tutto perfettamente, mettendo però in difficoltà il proprio personale, chiedendo loro l'impossibile, a causa di un caso particolare e critico. L'intero ospedale comincia a lamentarsi finché, opportunamente rimproverata dal capo Webber, non si rende conto di aver calcato troppo la mano e rinnova le sue scuse all'ospedale.
In questo secondo episodio la nostra April si trova in quarantena a causa di uno sfogo sconosciuto sulla pelle, ciò le impedisce di parlare con Jackson per rimettere insieme i cocci del proprio matrimonio. Alla fine di tutto Jackson si scopre ancora arrabbiato e risentito dalle scelte di Aprile e le dice senza mezzi termini di non sapere se vale ancora la pena combattere per loro due, di contro April, forse uno dei personaggi che è maturato di più durante queste stagioni si mostra determinata a rimettere insieme il proprio matrimonio e si dice disposta a lottare.
Meredith è alle prese con i casi propri e della Bailey e durante uno sfogo le rinfaccia di essere stata capace di mantenere tutto in ordine ma che la Bailey potrebbe almeno avere la decenza di interessarsi ai suoi casi, alla fine a Mer viene detto che lei, per la Bailey è la nuova Bailey (scusate il gioco di parole) quindi colei che sarebbe stata il suo braccio destro.
Amelia è alle prese con il rapporto con Owen, che vorrebbe come amico ma a cui non riesce a stare lontana.
Storyline piatta per Alex, Callie, Arizona e gli specializzandi rimasti ormai come solo da contorno.
Inizio di stagione carino, ma nulla di eccezionale,forse GA sta tirando la sua storia troppo per le lunghe.


_________________________________________________________________________________



Sapete, se avete letto la rubrica in cui parlavo di Downton, che io lo amo sotto ogni punto di vista, come amo qualsiasi storico in cui mi imbatto. Ci troviamo all'inizio della sesta e ultima stagione di questo splendido telefilm e l'inizio mostra i nostri protagonisti alle prese con il cambiamento della società che cozza con le tradizioni della nobiltà inglese.
Il nostro Branson, assieme alla piccola Sibby, come già anticipato nella scorsa stagione, ha lasciato Londra per ricostruirsi una vita in America. Mary prende quindi il posto di suo cognato nella gestione delle tenute di Downton, diventando così, inconsapevolmente, parte di quel cambiamento che in parte osteggiava per proteggere le tradizioni nobiliari.
La tenuta di Downton vede crollare, attorno a lei, tenute simili e si trova costretta a limitare i propri domestici.
Edith, il personaggio che più è cresciuto durante queste stagioni, trova il coraggio di scoprire e trovare se stessa, prende le redini dell'attività del compagno e decide di tenere con sé la piccola Marigold, figlia tenuta segreta. Edith, assieme ad Anna, è forse uno dei personaggi più sfortunati della serie, e spero che in questa stagione conclusiva, con questo cambiamento di atteggiamento riesca finalmente a trovare quella felicità che merita.
La stessa Anna, che assieme al suo amato Bates ne ha passate di ogni, si trova a fronteggiare l'impossibilità di portare a termine una gravidanza ma, aiutata da Lady Mary, scopre che il problema è risolvibile, anche per loro spero in uno scorcio felice.
Aspettiamo tutti con impazienza il matrimonio fra i due più longevi domestici di Downton, Carson e Mrs. Huges, il primo vorrebbe accettare la proposta di Lady Mary e festeggiare il matrimonio a Downton, la seconda invece vorrebbe che il giorno del suo matrimonio fosse totalmente estraneo alla tenuta.
In tutto questo troviamo Lady Violet in perenne lotta con la Cugina Isobel, in questo caso per l'ospedale del paese che vorrebbe essere accorpato da quello di Londra.
Nessuna rimostranza da fare verso questo splendido telefilm, trovo sia quello che più di tutti ha affrontato le storyline di tutti i personaggi a 360°, dai domestici più secondari ai protagonisti principali. Persino i bambini in questa serie vengono mostrati, a dimostrazione che gli autori non dimenticano nessuno dei personaggi.
Ciò che mi aspetto da questa stagione è la felicità, come precedentemente detto, per Edith e Anna, la realizzazione dei sogni di Daisy, dallo spirito rivoluzionario, il matrimonio di Carson e Mrs Huges e magari un Thomas che scopre finalmente la propria dimensione senza per forza essere frainteso sempre da tutti. Mary diventerà una splendida donna d'affari e dopo la morte di Mattew si merita un amore felice e poco problematico.
La cara Lady Violet sarà sempre in lotta con la cugina Isobel, di questo non mi preoccupo, nn cambierà nulla.

_________________________________________________________________________________

Sono finalmente tornata, spero di riuscire a postare domani una recensione arretrata, e di non sballare nuovamente il mio ritmo di aggiornamento.
A presto carissimi,

vostra, Cinzia.





4 commenti:

  1. L'unica serie che seguo tra queste è OUAT, e il primo episodio della quinta stagione mi è piaciuto un sacco. L'unica cosa che mi ha fatto storcere il naso è stata la faccenda dei ricordi alla fine, che è la terza volta che succede e sta diventando sempre la solita storia. Comunque, hai ragione per le nazionalità dei personaggi. In quanto ossessionata da Rapunzel, mi è dispiaciuto un sacco che l'abbiano trasformata così completamente. Comunque, ho amato la frase ad effetto di Emma alla fine *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa il ritardo nel rispondere al tuo commento, ma sono stata davvero tanta impegnata con l'università, ti ringrazio davvero per essere passata ed aver lasciato un commento.
      OUAT piace anche a me, tuttavia ho riscontrato delle piccole pecche, adesso ho addirittura sentito che potrebbero chiuderla con questa stagione, vedremo come andrà a finire.

      Elimina
  2. Anch'io credo che GA la stia tirando troppo per le lunghe. Questi primi due episodi non sono al pari delle altre stagioni, sopratutto il secondo che mi ha lasciata molto indifferente, mentre nel primo la storia delle ragazze mi ha commossa. Insomma, GA può fare molto di più, ma ha troppe stagioni alle spalle e i personaggi non hanno più nulla da raccontare se non qualcuno che si può contare sulle dita di una mano...
    OUAT devo ancora vederlo =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Avid per essere passata a commentare, mi scuso immensamente per il ritardo nel rispondere, sono d'accordo con te, la pecca di Grey's è che ne hanno fatte tamente tante che adesso, qualsiasi strada decidano di intraprendere, sembrerà sempre una ripetizione, perché hanno raccontato tutto il raccontabile.

      Elimina